Milano EXPO 2015: un’opportunità per tutti

Nonostante sembrasse da segnare a una data futuristica, il Milano Expo 2015 è alle porte. Sicuramente sarà l’evento fieristico più importante del decennio, che il capoluogo lombardo ha avuto l’onore di poter ospitare.

E’ infatti una manifestazione mondiale che si ha ogni 5 anni, dove ogni ogni volta viene sviluppato un tema di forte rilevanza sociale. Per l’edizione italiana tutti gli occhi saranno puntati sulla nutrizione: con il titolo, “Nutrire il pianeta, energia per la vita” si vuole infatti includere tutto ciò che riguarda l’alimentazione, dal problema della mancanza di cibo per alcune zone del mondo a quello dell’educazione alimentare, fino ai delicati argomenti degli OGM.

All’EXPO 2015 ci saranno diversi spazi espositivi che ospiteranno importanti contributi da ogni parte del
mondo:

il Padiglione Zero sarà occupato dalle Nazioni Unite e la Best Practice Area, ovvero la raccolta delle migliori esperienze ed esempi sul tema della nutrizione.

Il Parco della Biodiversità  sarà invece un grande giardino di circa 14.000 m² posto nell’area Nord, dove saranno coltivate ed esposte le varietà biologiche.

Future Food District (Il distretto del cibo del futuro) dove saranno presentate tutte le novità riguardo la tecnologia alimentare.

Food in Art (Il cibo nell’arte) un’esposizione reale e virtuale di grandi capolavori artistici dove verrà presentato il cibo come oggetto di riflessione simbolica da parte della specie umana nella storia.

Children Park (Parco dei bambini) – Realizzato in collaborazione con la città di Reggio Emilia che sarà un’area ludica, ricreativa ed educativa per bambini e famiglie.

Expo 2015 vedrà la partecipazione di 147 partecipanti ufficiali. Al momento hanno confermato la propria presenza 142 Paesi
più tre organizzazioni internazionali: l’ONU, il CERN e la Commissione Europea. L’Italia è conteggiata nel totale in quanto ha acquisito il ruolo di Paese partecipante e organizzatore, con la nomina del commissario per il padiglione italiano, mentre Partner globali ufficiali sono importanti aziende multinazionali come Accenture, Enel, Fiat, Intesa SanPaolo, Selex Es, Telecom, Samsung e Coop.

Questi eventi portano anche nuove spese e soprattutto posti di lavoro temporanei per i 6 mesi della durata dell’evento, dal primo maggio 2015 fino al 31 ottobre, attirerà a Milano non soltanto turisti, ma anche imprenditori da tutto il mondo, appassionati di design e chiunque intende investire nei Paesi che hanno gli stand nell’Expo 2015. Per questo, Milano si sta attrezzando alla grande e gli organizzatori dell’evento stanno cercando personale di altissimo livello per dare la migliore accoglienza possibile a questi “turisti speciali”. 

E’ quindi una grande opportunità per la città, che già sta affrontando un sostanzioso restyling architettonico ed urbanistico, che porterà nuove infrastrutture, spazi verdi,
edifici, ma anche nuove opportunità lavorative.
Secondo le stime più recenti, dovrebbero essere circa 70 mila i posti di lavoro per l’Expo 2015, sia a tempo determinato che indeterminato, nei settori più diversi.
Interpreti per i turisti e gli uomini di affari che saranno a Milano nei sei mesi della manifestazione, camerieri e cuochi da impiegare nei ristoranti e negli alberghi, e poi ancora hostess, autisti, operai, addetti alle vendite nei negozi, ma anche manager, esperti di comunicazione ed ingegneri. Per chi vuole approfittare di quest’evento per trovare un’occupazione non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Anche Hostess & Promoter sarà presente all’EXPO 2015: fornirà infatti hostess, steward, promoter e staff per alcuni stand presenti, nonché interpreti simultanei, allestitori e personale per security.



Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento